Da New York a Santo Domingo, passando per l’Isla Saona

03/11/2008 09:35    |    by nico

Allora, facciamo un resoconto della nostra breve vacanza a Santo Domingo. In effetti siamo stati a S. Domingo solamente 6 giorni per qualche giorno di riposo dopo una settimana di camminate in giro per New York. Non ci eravamo mai stati e quindi, quando ci siamo trovati a decidere dove passare la seconda settimana della nostra vacanza abbiamo deciso di andare li. Beh, devo dire che la scelta è stata azzeccata, ci è piaciuto veramente molto e pensiamo di tornarci presto, magari fermandoci qualche giorno in più!

escursione isla saona

Allora cosa dire, siamo arrivati all’Aeroporto di S.Domingo venerdì 14 marzo e abbiamo approfittato per visitare un po’ la capitale, dove si respira ancora molto il periodo colonialista spagnolo. E dopo la visita alla capitale siamo partiti per Bayahibe, con destinazione il residence di Stefano, da voi gentilmente consigliatoci.
Da subito Stefano è stato molto gentile, infatti è riuscito a darci una stanza con vista mare e proponendoci per l’indomani l’escursione a Isla Saona.

La sera stessa abbiamo potuto da subito degustare l’ottima cucina di Stefano, che oltre ad essere una persona, simpatica e disponibile è anche un ottimo cuoco, ho ancora l’acquolina in bocca ripensando ai suoi spaghetti allo scoglio e alle sue fritture di pesce.. mmmh che bontà!!

Come dicevo il giorno successivo al nostro arrivo, siamo andati a Isla Saona, io e Simone, Nicola e Mario (figlio e padre in vacanza anche loro ospiti di Stefano, due persone deliziose), Teresa (la fantastica e bella come il sole figlia di Stefano, alla quale tutti ci siamo affezionati subito), Stefano ( che abbiamo scoperto essere un profondo conoscitore della storia e del paesaggio di Bayahibe e della Repubblica Domenicana in genere) e il ragazzo (del quale al momento non ricordo il nome) che guidava la barca.

saona teresa

stefano bayahibe

È stata un escursione veramente bella, anche perché a differenza delle escursioni organizzate dai villaggi eravamo solo in 4 ospiti e la meta su Isla Saona è stata Playa del Canto, non le solite spiagge super attrezzate appositamente per i turisti e strapiene di questi ultimi, quando siamo arrivati su questa spiaggia paradisiaca (come vedrai dalle foto.. ma che comunque tu conosci molto bene) c’eravamo solo noi, il mare, la sabbia e le palme. Qui Stefano ci ha preparato un pranzetto con i fiocchi a base di aragoste, insalata di mare e birra fresca, una delizia.

Abbiamo passato una giornata d’incanto fra bagni nelle acque cristalline, risate e tanto tanto sole. Ma oltre alla sosta a playa del Canto è stato molto bello anche il tragitto, in quanto Stefano ci ha raccontato un sacco di cose dei posti che mano a mano incontravamo.

isola di saona

Purtroppo questa è stata l’unica escursione che siamo riusciti a fare, volevamo infatti salire anche a Altos Rio de Chavon e risalire il Rio Chavon con il battello, ma non abbiamo fatto in tempo, pazienza.. così abbiamo la scusa per tornare. Comunque oltre alle spiagge di Isla Saona che sono eccezionali, anche le spiagge nei dintorni di Bayahibe sono molto belle, anche se un po’ più affollate.

A proposito una altra persona che ci ha fatto morire dal ridere e che ci teniamo a ricordare è Luisito, il cognato di Stefano… un personaggio!!

Per concludere diciamo che Bayahibe è proprio un bel posto, da Stefano si sta benissimo e quindi ci sentiamo proprio di consigliare una vacanza del genere.

Erika e Simone

Lascia un COMMENTO