Il caffè della Repubblica Dominicana

03/05/2009 07:37    |    by nico

caffè repubblica dominicanaLa Repubblica Dominicana non è solo famosa per le sue incantevoli spiagge, ma anche per la produzione di caffè che, grazie al clima favorevole, cresce rigoglioso nelle province interne di Salcedo e Bonao, dove la lussureggiante vegetazione tropicale offre agli occhi dei visitatori un’ulteriore ragione di stupore  e meraviglia.

Le spiagge sono forse l’elemento che più spicca in Repubblica Dominicana: chilometri e chilometri di sabbia candida e a tratti quasi impalpabile, lambita da un mare che ha tutte le sfumature dell’azzurro e circondata da ombrose palme verdi. Ma all’interno del Paese cresce rigoglioso, grazie al clima favorevole, un altro tesoro per cui questo Paese è famoso nel mondo: la sua produzione di caffè.

Nelle province di Salcedo e Bonao, immerse nella tranquillità della lussureggiante vegetazione tropicale, e circondate dalle montagne che favoriscono un clima fresco, crescono le piantagioni del caffè: il modo migliore per imparare a conoscere e apprezzare meglio questa bevanda così nota è scegliere uno dei percorsi del progetto Ruta del Cafe, un’iniziativa nata nel 2002 all’interno di un progetto di Ucodep, ONG italiana che da oltre 10 anni lavora in Repubblica Dominicana con progetti volti a migliorare le condizioni di vita della popolazione locale.

Sono ben sei i percorsi possibili, tre lungo la Ruta del caffè Atabey, nella provincia di Monseñor Nouel, a un’altitudine media di 950 metri e tre lungo la Ruta del Caffè Jamao, nella provincia di Salcedo . La Ruta del Café Atabey è situata sulle montagne della provincia di Monseñor Nouel, a un’altitudine di circa 950 metri. I tre sentieri sono:

  1. El Higo (durata circa 2,5 ore – difficoltà bassa): una splendida passeggiata nella natura, dove ammirare oltre 120 specie vegetali, oltre 80 specie di pappagalli e le termine poter fare un bagno ristoratore nelle fresche acqua del Rio Blanco, per immergersi davvero nella lussureggiante vegetazione tropicale.
  2. El Cafetal de Kakelo (durata: circa 55 minuti – difficoltà: media): come dice il nome, si tratta di una piantagione di caffè, situata nei terreni di “Kakelo”, uno dei più importanti produttori locali. Qui viene coltivata anche una grande quantità di frutta tropicale, in modo completamente naturale: una delizia tutta da gustare al termine del percorso, che farà impallidire i ricordi di qualunque altro frutto mai assaggiato.
  3. El Candongo (durata: circa 4 ore – difficoltà: elevata): una cavalcata a dorso di mulo che permette di godere di panorami eccezionali che abbracciano con un grandioso colpo d’occhio tutta la valle del Basso Yuna e del Cibao. Durante il percorso di incontrano foreste e piccoli villaggi e ci sarà anche la possibilità di fare un vero e ricco pranzo dominicano in compagnia dei produttori di caffè della zona.

La Ruta del Café Jamao si trova invece nella provincia di Salcedo, a un’altitudine di circa 900 metri. Qui i tre itinerari proposti sono:

  1. El Cafetal (durata: circa 1 ora – difficoltà: bassa): un’i ncantevole passeggiata in un bosco tropicale ricco di alberi da frutta e piante selvatiche. Qui si scoprono le varie fasi di lavorazione del caffè: dalla semina, alla raccolta, fino alla tostatura. Al termine del percorso è possibile visitare il Museo del Café e degustare un caffè di qualità Jamao, il modo migliore per conoscere la vita all’interno di una piantagione di caffè e valorizzare il grande lavoro necessario per produrre questa deliziosa bevanda.
  2. La Confluencia (durata: circa 2 ore – difficoltà: medio-alta): il nome del sentiero deriva dal fatto che si trova alla confluenza del Rio Jamao e del Rio Partido, all’interno di una splendida foresta. Procedendo a piedi o a dorso di mulo ci si inoltrerà lungo i meravigliosi altipiani carsici della Cordigliera Settentrionale con i suoi abitanti e i suoi artigiani, fino al punto di incrocio dei due fiumi per fare poi il bagno in questo clima sorprendentemente gradevole.
  3. La Cueva de los Caños (durata: circa 3,5 ore – difficoltà: alta): dopo una camminata attraverso le coltivazioni locali e la foresta tropicale della zona carsica tipica delle montagne della zona di Salcedo, l’imponente grotta de los Caños si parerà davanti agli occhi. All’interno di essa, nell’oscurità quasi completa, esperte guide locali insegneranno a scorgere lo spettacolo di imponenti stalattiti e stalagmiti. Una volta terminato il percorso sarà possibile fare il bagno nel vicino fiume.

Fonte: http://viaggi.repubblica.it/

Lascia un COMMENTO