Posts Tagged ‘Parque National del Este’

22/08/2010 09:59    |    by nico

Bayahibe Dominicus Santo DomingoBayahibe è situata in una posizione strategica, a circa 22km ad est de La Romana (e quindi vicina all’Aeroporto de La Romana) ed esattamente all’imbocco del Parque Nacional del Este, dove si trova la splendida e caraibica Isla Saona.

Nel recente passato, la Bayahibe che oggi conosciamo nasceva come piccolo aggregato di capanne di pescatori e non conosceva il turismo, qualche centinaio di persone dedite principalmente alla pesca e nulla più. All’epoca della scoperta dell’America l’area di Bayahibe, ed il Parque National del Este in particolare, erano abitati da una delle più grandi colonie Tainos dell’isola Hispaniola ed ancora oggi si conservano nel parco diverse pitture rupestri e siti archeologici di estremo interesse.

07/08/2010 12:12    |    by paolo
off

Il costo dell’escursione all’Isola di Saona – Canto della Playa – è di 70$ a persona.
Bambini da 0 a 4 anni non pagano. Da 5 a 11 anni pagano il 50%.
Per chi rifa’  l’escursione una seconda volta è previsto uno sconto. Per gruppi con 10 o più persone sono previsti sconti specifici.

 

escursione isla saona

L’escursione all’Isla Saona è in assoluto una delle più gettonate per chi visita la Repubblica Dominicana, tuttavia i turisti visitano le prime spiaggie – lottizzate dai Resort - ed è un peccato: chioschi che vendono spuntini, gazebo per i buffet all inclusive, altoparlanti che si contendono la musica più alta e venditori ambulanti di continuo, coralli rovinati dall’invadenza e calpestio del turista.

 

a1b

Contrariamente a questa massa di turisti, le nostre escursioni all’Isola di Saona ti porteranno a scoprire spiagge selvagge ed incontaminate, fulgidi esempi di “paradiso caraibico”, spiagge di corallo bianco, acqua cristallina e palmeti a perdita d’occhio.

La partenza è alle 8.30 circa dal porticciolo di Bayahibe. Tutti a bordo di catamarano a motore da 38 persone al massimo. Questo angolo di paradiso non è raggiungibile da imbarcazioni da 100 ed oltre persone in quanto il reef corallino impedisce di avvicinarsi alla battigia, e d’altro canto ai villaggi turistici non conviene:  meno persone, meno guadagno; più miglia da percorrere, più carburante da pagare.

 

c

Prima di arrivare nella nostra spettacolare spiaggia di canto de la playa ci fermeremo al peñon, dove vi daremo alcune informazioni sul parco nazionale e sulla sua morfologia, e poi un tuffo alle “piscine naturali”, un’estesa zona dal fondale sabbioso molto basso distante circa mezzo chilometro dalla costa – caratterizzata da acqua turchese e dalle famosissime Stelle marine. Sosta alle mangrovie, dove i piu’ fortunati potranno ammirare le tartarughe nel loro habitat.

 

 

Le piscine sono una fermata classica anche per le escursioni dei villaggi turistici ed è comune l’usanza di passeggiare su questo fondale sorseggiando rum, succhi di frutta, ballando la “bachata”, scattando suggestive foto e facendo, purtroppo, morire le stelle. Purtroppo ci sono diversi turisti che prendono le stelle, si scattano le loro belle foto, senza aver cura di tenerle in acqua. Questo, nel tempo, ha portato ad una riduzione di quasi l’80% delle stelle marine nella zona delle piscine naturali.
Arriveremo sulla spiaggia del paesino di Mano Juan  dove, mentre verra’ preparato il buffet, faremo una un interessante camminata nei sentieri del villaggio di pescatori di Manojuan ci permetterá una perfetta integrazione con la comunitá, visiteremo il  punto osservazione di uova di tartarughe  e le casette dei pescatori con i colori tipici caraibici.

 

 

Il Pranzo sara’ composto da Aragoste, Cernia al cartoccio, pollo alla criolla, pasta, riso, insalata , frutta tropicale e dolce tipico il tutto sapientemente preparato dal nostro personale locale. Ovviamente con birra, cuba libre, mamajuana, caffé e bevande analcoliche.

 

 

 

Lasciamo Manojuan e i suoi colori per andare a scoprire un angolo di paradiso, un incantevole spiaggia selvaggia.
Buttiamo l’ancora, scendiamo  e si ha la sensazione di vivere un’esperienza unica. Mistica e sensuale per dirla alla Battiato. Una spiaggia lunga, chilometri di sabbia fina di corallo bianco e rosaceo; un’acqua cristallina in cui potersi immergere circondati da pesci di varie specie e colori; un fondale marino ricco di coralli; ricchi palmeti che si estendono per tutta la baia, alti ed imponenti.

Il classico scenario da film in cui si potrebbe rimanere un’ora intera, intontiti a guardare la meraviglia che ci circonda, ma senza riuscire a prenderne coscienza, ad accettare che tutto ciò possa esistere veramente.

Verso le 17 si rientra a Bayahibe, felici e contenti.

escursione isla saona

03/07/2009 14:30    |    by nico

Chi è stato a Bayahibe sicuramente avrà fatto un’escursione a Isla Saona o Isla Catalinita.

Avete presente il canale di Catuano che divide il Parque National del Este dall’Isola di Saona? Ve la ricordate quella vegetazione folta, a fior d’acqua, quella in cui facendo snorkeling è possibile ammirare pesci colorati e splendide conchiglie di lambì?

Ecco, quelle piante sono chiamate Posidonia Oceanica.

La posidonia è una pianta marina essenziale per il benessere degli eco-sistemi costieri e tropicali, e purtroppo sta diminuendo ad un tasso paragonabile a quello delle barriere coralline e delle foreste pluviali.

Gli esperti affermano che

18/05/2008 14:11    |    by nico

fregate magnificens

Le Fregate sono uccelli marini caraibici con l’apertura alare più grande di tutti gli altri volatili. Si nutrono di pesce che sottraggono ad altri uccelli e di pesci morti che raccolgono sulla superficie dell’acqua.

Nel mese di Gennaio, principalmente, migliaia di fregate si riuniscono nell’oasi di mangrovie del Parque National del Este per il rito di accoppiamento. In particolare, in questo periodo d’amore i maschi gonfiano il modo straordinario il loro collo rosso per sedurre le femmine.

Con partenza da Bayahibe, è possibile organizzare escursioni di birds watching.