Posts Tagged ‘Pedernales’

19/08/2010 17:21    |    by nico

Los Patos, paesino nella penisola del Pedernales, dista 90km dal confine con Haiti e circa 230 da Santo Domingo.

Qui è tutto ancor più lontano dalla concezione dei caraibi all inclusive. Il panorama è mozzafiato, specialmente il tratto di strada che da Barahona arriva a Los Patos. Circa 35 km di meravigliosa costa. Los Patos è selvaggio e incontaminato quanto la sua playa, una spiaggia di

17:13    |    by nico

laguna de oviedoLa laguna di Oviedo si trova all’interno del Parco Nazionale Jaragua nella penisola del Pedernales al confine con Haiti. Questo parco grande 1,374 km², di cui 905 sono parco marino, è stato istituito nel 1983 ed è una delle più importanti aree protette dei Caraibi. La flora e la fauna di questo parco presentano un alto livello di specie endemiche.
Le tartarughe marine costituiscono un altro importante elemento della fauna del parco, insieme a numerose specie di rettili endemiche come l’iguana rinoceronte e l’ iguana ricord, quest’ultima purtroppo, in via d’estinzione. Inoltre, è ricco di siti archeologici dell’epoca pre-colombiana risalenti fino al 2590 a.C.

17:11    |    by nico

baya de las aguilas pedernalesBaya de las aguilas è uno dei posti più incantevoli della Repubblica Dominicana. Un tratto di costa selvaggio e lontano dal turismo massivo, facente parte del Parque National Jaragua, nell’area a sud della penisola del Pedernales.

Il tratto di costa, lungo 10km, si sviluppa da Punta Chimanche a Punta de Aguila interrotto a metà dal promontorio roccioso di Las Cuevas. Quest’area costituisce uno dei principali ecosistemi protetti del parco ed ospita una grande quantità di specie animale e vegetali. Lungo la sua spiaggia bianca e vergine è possibile trovare conchiglie, stelle marine ed altri tesori. La parte terminale della baia invece, conosciuta come Ensenada sin

07/08/2010 13:51    |    by paolo
off

pedernales laguna oviedo baya las aguilas

Sono pochi i turisti che si spingono a visitare la regione di Pedernales, un concentrato di natura storia e caribe completamente fuori dalle rotte del turismo massivo. Paesaggi aspri, puri, incontaminati. Questa soluzione ti farà conoscere alcune delle spiagge caraibiche più esclusive, in modo intimo e profondo. Ti metterà a contatto con una natura incontaminata e con la sua splendida e variegata fauna. Ti farà conoscere la semplicità, generosità e dignità dei suoi abitanti.

escursione pedernales laguna oviedo baya las aguilas

La regione di Pedernales si trova all’estremità sud-occidentale della Repubblica Dominicana, al confine con lo stato di Haiti. Poche strade, centri abitati rarefatti, siti di interesse spesso difficili da raggiungere via terra. In questa esclusiva soluzione dovremo fare parecchi kilometri per raggiungere la regione e vivere i diversi luoghi di interesse. Saranno due giornate molto intense. Dormiremo in un hotel ecologico, mangiando alimenti tipici di quella regione. Verremo tuttavia ricompensati da spiagge, lagune e panoramiche uniche in tutta la Repubblica. Potremo tornare a Bayahibe, ed in Italia, avendo vissuto un’esperienza profonda.

Questa soluzione viene effettuata in gruppi di minimo 6 persone. Può essere un’opzione di alto profilo per famiglie, coppie e gruppi di amici che intendono dare un tocco di unicità al proprio viaggio a Bayahibe, magari alternando quest’esperienza alla vita da villaggio turistico.

pedernales laguna de oviedo

  • ore 6, partenza da Bayahibe
  • colazione a Santo Domingo
  • si riprende il viaggio e durante il tragitto:
    • passiamo dal paese di San Rafael. Nel tratto la statale ci regalerà panoramiche mozzafiato. Il paesino di San Rafael è invece conosciuto per le tante piscine naturali create dal fiume che attraversa il paesino.
    • passiamo dal paese di Paraìso apprezzato per la sua splendida spiaggia, ma anche famoso per uno tra i campi da basket più belli al mondo, contornato da alte palme e caraibiche acque trasparenti al di là delle tribune
  • arrivo a Los Patos, dove si pranza e si fa tappa ad una spettacolare laguna creata dalle acque dolci che sgorgano fresche dalla montagna, per poi buttarsi nell’oceano caraibico
  • visita alla Laguna di Oviedo, nel Parque National Jaragua. La riserva è stata creata per ospitare la più numerosa colonia di fenicotteri del paese, che per gran parte dell’anno dimora qui (ad agosto il picco). Altre specie presenti: fregate, tanagre delle palme capinere, spatole rosate, aironi bianchi maggior
  • arrivo all’hotel ecologico a Pedernales, dove ceneremo e pernotteremo.

pedernales baya de las aguilas

  • ore 8: colazione e partenza. Attraverseremo tutto il parco Jaragua, sino al paesino di Las Cuevas dove prenderemo una imbarcazione per la Baya de las Aguilas
  • visita della Baya de las Aguilas, una spiaggia incontaminata che ancora oggi non rientra in nessun itinerario. 10 km di spiaggia deserta che si estende, in un ampio arco, tra due promontori. Qui effettueremo i pranzo
  • visita di Barahona e poi via verso Bayahibe.

COSTO

La soluzione al Pedernales ha un costo di 300$ a persona. Si parte da un minimo di 6 persone ad un massimo di 15.

Il mese di agosto, grazie alla folta presenza di fenicotteri rosa nella laguna de oviedo, ha un’alta richiesta e si consiglia quindi di prenotare con anticipo.

escursione pedernales laguna oviedo baya las aguilas

ALCUNE IMMAGINI


Baya de Las Aguilas

pescatori del Pedernales

Fenicotteri rosa

La statale di Barahona

Playa Paraìso

Laguna de Oviedo
23/01/2010 19:24    |    by nico

investimenti turismo barahonaA quanto pare investimenti milionari intendono trasformare l’area di Barahona nel quarto polo turistico della Repubblica Dominicana.

La città di Barahona si trova nella regione del Pedernales, una delle zone della Repubblica meno intaccate dal turismo di massa e maggiormente ricca di Parchi naturali e specie animali e vegetali.

In questi giorni il Segretario del Turismo, Francisco Javier Garcia, ha reso nota la notizia indicando come obiettivi principali il rimodellamento del Parque Litoral Maria Montez e la conversione del porto cittadino in terminal anche crocieristico.

In altre parole… Da porto cittadino per pesca e piccole imbarcazioni, si passa al porto turistico con tutto ciò che ne consegue in termini di inquinamento e eco-sostenibilità?? Da regione ancora tendenzialmente vergine, si passa a nuova aree ad alta densità turistica???